Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari
Sezione di BENEVENTO

 

 

"Making the difference through Leadership and Action" - Ieri l'incontro promosso dalla Fidapa BPW Italy e da WinB
torna     
mar 04-04-2017 12:06, n.88, Segreteria, Incontri, letto 270 volte
"Making the difference through Leadership and Action"
Ieri l'incontro promosso dalla Fidapa BPW Italy e da WinB


"Making the difference through Leadership and Action" è stato il tema dell’incontro promosso dalla Fidapa BPW Italy e da WinB, il network Women un business promosso da Kinetès.
L’incontro, ieri, presso la sala Rosa del Palazzo del Rettorato, ha posto l’accento sul tema internazionale della Fidapa affidato alla Past President.
I lavori sono stati introdotti da Rossella Del Prete, past president Fidapa – Benevento che ha precisato che il sodalizio beneventano aveva già iniziato a trattare il tema in “Women in business”,una serie di incontri promossi nell’ottobre del 2015.
Dopo i saluti della Presidente Carmen Coppola, la parola è passata a Aurelie Charles - University of Bath, sul tema "Blurring the Individual Boundaries: Investigating perceptions of being men and women in the Mezzogiorno".
Un’interessante ricerca che ha coinvolto sessanta coppie a Benevento e sessanta a Lecce alle quali sono stati somministrati questionari sulla percezione del ruolo della donna in famiglia.
Un’indagine condotta in un territorio particolare, il Sud Italia ancora molto legato a tradizioni sociali e culture locali, eppure i risultati sono stati da un certo punto di vista sorprendenti perché per la maggior parte degli intervistati è molto importante il ruolo femminile nella gestione economica delle famiglie, mentre la maggior parte delle intervistate non ritiene determinante il giudizio maschile.
Concetta Nazzaro, Università degli Studi del Sannio, ha trattato "L’empowerment delle donne nei contesti difficili: l'approccio dei Development Goals di Agenda 2030".
“Un’agenda globale che ha diversi obiettivi da raggiungere e che è un approfondimento dell’Agenda sottoscritta nella conferenza di Rio del 2012”.
Un’Agenda che mette al centro la sostenibilità, finalmente non più dal solo punto di vista dell’ambiente, ma anche in apporto a fattori economici e sociali.
Nell’ambito dell’Agenda 2030 l’obiettivo 5 è stato pensato per raggiungere l’uguaglianza di genere e permettere la reale emancipazione di tutte le donne del mondo.
Il percorso è difficile, si dovrà soprattutto pensare a favorire un cambiamento culturale dal quale dipendono i cambiamenti economici e sociali e tutto questo può avvenire solo attraverso la cooperazione. “Diventa quindi importante, pur considerando che un grande limite è costituito dalla scarsità di risorse economiche, inserire nelle politiche comunitarie la questione gender condividendo gli strumenti di monitoraggio da parte di tutti gli stati membri”, ha concluso Nazzaro.
Rossella Del Prete, reduce da un incontro a New York in occasione del CSW61, ha relazionato sul tema "C’è un valore aggiunto ad essere un imprenditore donna, un’imprenditrice? Se si aggiungesse il valore del brand del proprio paese?".
Attraverso una serie di slide ha spiegato che è in aumento l’imprenditoria femminile ( sebbene con percentuali maggiori nel nord Italia) e che il Pil aumenta con l’aumento delle imprese condotte da donne con il primato di imprenditoria nel settore terziario dei servizi e nel campo dell’educazione.
La conclusione è “Che le donne fanno la differenza poiché dimostrano di avere grandi capacità e al contempo sono di esempio per le altre donne, sono maggiormente consapevoli, hanno maggiore autocontrollo, maggiore flessibilità e una maggiore attitudine alla gestione del rischio, riescono a creare reti di collaborazione e a gestire meglio le risorse economiche”.
Le conclusioni sono state affidate a Angiola Infantino, Past President fidapa BPW Italy - Distretto Sud Ovest.
“Abbiamo sempre parlato di parità di genere, una battaglia che la Fidapa ha sempre fatto sua.
Di parità ci parla anche l’articolo 3 della Costituzione e tanti passi in avanti sono stati fatti.
Il mio invito è continuare per questo percorso senza perdere mai le peculiarità di genere che ci connotano cercando di arrivare, finalmente, ad una reale parità che non può prescindere dalla presa di coscienza delle proprie possibilità e dal senso di autoconsapevolezza”.



 
  
  
________________________________________________________________________________________________