Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari
Sezione di BENEVENTO

 

 

"Donna e straniera: Quali diritti per combattere una doppia discriminazione?" - L'impegno della Fidapa per la Giornata Internazionale delle Donne
torna     
gio 09-03-2017 14:16, n.83, Segreteria, Incontri, letto 660 volte
"Donna e straniera: Quali diritti per combattere una doppia discriminazione?"
L'impegno della Fidapa per la Giornata Internazionale delle Donne


"Donna e straniera: Quali diritti per combattere una doppia discriminazione?" è questo il tema affrontato per la Giornata Internazionale della Donna, dalla Fidapa BPW Italy in collaborazione con Kinetès, con l'Ordine degli Avvocati di Benevento e con l'Università degli Studi del Sannio.
Uno sguardo altro sull’universo donna, quello che subisce una doppia discriminazione, legata all’essere donna e all’essere migrante in una terra non sempre accogliente. Dopo l’introduzione della Presidente della Fidapa Benevento, Carmen Coppola che ha anche moderato l’interessante incontro, la parola è passata ai saluti di Paola Seracini, Delegata Pari Opportunità dell’Università del Sannio, a Alfredo Martignetti per l’Ordine degli avvocati cui sono seguiti gli interventi dell’avvocato Maria Bonavita del Foro di Benevento e di Lorena Capolupo, responsabile Ufficio immigrazione della Questura di Benevento, le conclusioni sono state affidate a Rossella Del Prete, docente Unisannio.
Abbattere le barriere e permettere l’integrazione è questa la reale necessità delle donne migranti che per essere tali vengono percepite come diverse e quindi da allontanare. Toccanti le testimonianze di alcune migranti che sono riuscite ad integrarsi e che ora vivono nel con i loro nuclei familiari nel centro di accoglienza di Pannarano "Noi per voi".
Sono Aisha, venuta in Italia dalla Libia, da dove era scappata con il marito, meccanico, al quale era stato imposto di costruire macchine da guerra; Asna, arrivata qui con i suoi 5 figli e con il dolore di aver dovuto lasciare in patria il marito cardiopatico; Blessie che ha avuto in Italia un bimbo e ha vissuto il dramma di aver perso il marito durante lo sbarco poi ritrovato grazie a Facebook.



 











  
  
________________________________________________________________________________________________